QUOTE ASSOCIATIVE E MODALITA’ DI PAGAMENTO

Anche per il 2017 resta invariata la quota annuale d’iscrizione al Collegio. Il bollettino per il versamento della rata sarà recapitato al proprio domicilio. Attenzione ad utilizzare esclusivamente il mod. TD247. Non saranno ritenute valide forme diverse di pagamento.

 

MODALITÀ’ DI PAGAMENTO

Il bollettino MAV modello TD247, verrà inviato dal Collegio di appartenenza al domicilio di ciascuno iscritto a mezzo posta. A questo proposito, è importante ricordare che, qualora l’iscritto avesse nel frattempo modificato il proprio domicilio, egli è tenuto a comunicare tempestivamente la variazione alla segreteria del Collegio Ipasvi di Napoli, così come stabilito dalle norme che regolano l’iscrizione all’Ente. Gli iscritti che per motivazioni diverse (disguido postale, cambio di domicilio non segnalato per tempo, o altro) non dovessero ricevere l’avviso di pagamento con l’allegato mod. TD247; ovvero avendolo ricevuto regolarmente lo avessero smarrito, devono segnalare l’inconveniente alla segreteria del Collegio Ipasvi di Napoli che provvederà ad inviarne un duplicato.

La segnalazione può avvenire di persona presso gli uffici del Collegio negli orari di sportello (dal martedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30 il lunedì dalle 15.00 alle 18.00).  Ma può bastare anche una semplice telefonata (081 440140), oppure utilizzando la posta ordinaria (via Santa Maria di Costantinopoli, 27, 80138 Napoli); la posta elettronica (info@www.opinapoli.it; napoli@ipasvi.legalmail.it) o il fax (081 0107708)

 

NON UTILIZZARE FORME DI VERSAMENTO DIFFORMI

In ogni caso, non saranno ritenute valide da parte del Collegio forme diverse di pagamento da quella sopra indicata. L’iscritto che non essendo in possesso del bollettino prestampato TD247 dovesse versare la quota annuale attraverso un versamento a mezzo conto corrente postale (modello TD123) incorrerà in una palese violazione delle regole e sarà ritenuto insolvente. In questo caso, l’iscritto compie un doppio danno, a se stesso e all’Ente: non avendo di fatto riscosso il pagamento, il Collegio sarà costretto ad attivare la riscossione coercitiva attraverso gli sportelli di Equitalia, con un aggravio di costi e un iter burocratico lungo e increscioso.

 

RICAPITOLANDO

Per non incorrere in spiacevoli disguidi, ricordiamo i tre passaggi decisivi per un corretto disbrigo del pagamento annuale delle quote d’iscrizione:

1) La quota associativa va versata utilizzando esclusivamente il Mav inviato al proprio domicilio dal Collegio;

2) Se il Mav non viene recapitato segnalare l’inconveniente al Collegio che provvede ad inviarne un duplicato;

3) Non saranno considerate valide altre forme di versamento.

 

Potrebbero interessarti anche...