Parto extraospedaliero a Frattamaggiore. Infermiere del 118: “Un’emozione unica”

Carbone: “Esempio di competenza e amore”

La tempestività, il saper fare e il fare con amore sono gli ingredienti di un nuovo episodio di buona sanità che vede gli infermieri napoletani distinguersi per competenza e dedizione. Due infermieri, un medico e un autista del 118 di Frattamaggiore ne sono i protagonisti. Grazie a loro,  un bel maschietto di circa 3kg e sua madre, 34enne al primo parto, sono ora al sicuro presso l’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore, circondati dalle cure e dall’affetto dei parenti. Si tratta di un parto extra ospedaliero giunto a buon fine, ma con momenti di panico e di tensione. Erano circa le 4 stamattina, quando la postazione del 118 di Frattamaggiore viene allertata per un codice giallo ginecologico. Sul posto arrivano due mezzi: un’ambulanza guidata dall’autista soccorritore Biagio Biondino, con a bordo l’infermiere Luigi Vallifuoco.  Con loro un’auto medicalizzata, con a bordo la dottoressa Giuseppina Del Prete e l’infermiere Ciro Palladino. Al loro arrivo trovano un’agitazione generale: la puerpera in bagno con il bambino per metà espulso, sangue dappertutto, e tanta paura sul viso dei parenti. Racconta Ciro Palladino, l’infermiere che ha preso di fatto il parto: “In questi momenti la tempestività e il controllo della situazione sono fondamentali. Abbiamo subito clambato (chiuso, ndr) e reciso il cordone ombelicale, avvolto il bambino in una coperta termica e costantemente monitorati madre e figlio, li abbiamo trasferiti in ospedale dopo aver allertato, tramite la centrale operativa, il pronto soccorso dell’Ospedale di Frattamaggiore per far trovare pronti il pediatra e il ginecologo. “Ora che tutto è sotto controllo –  confessa Palladino – devo dire che ho provato una felicità e una gioia indescrivibile, nemmeno avessi vinto alla lotteria. Una sensazione di indescrivibile soddisfazione condivisa con i colleghi del 118 di Frattamaggiore”.

“Questo nuovo episodio di buona sanità portato a termine da colleghi infermieri napoletani ci riempie di orgoglio e di soddisfazione”, ha detto il Presidente dell’Ordine degli infermieri di Napoli, Ciro Carbone. “Una ulteriore testimonianza di professionalità e di amore per il proprio lavoro che rappresenta un esempio per i tanti giovani che s’affacciano alla professione”.

Potrebbero interessarti anche...